Le classi di Diablo 4: l’Incantatrice

Dopo aver approfondito quello che conosciamo del Barbaro, ora parleremo della seconda delle classi di Diablo 4: l’Incantatrice. Si tratta di un grande classico della serie: infatti, in ognuno dei giochi abbiamo visto implementato l’archetipo del mago, seppur con differenti nomi e avatar.
Lo studioso specializzato negli incantesimi è sempre stato uno dei favoriti dei giocatori. Grazie alla combinazione tra potenza di fuoco e controllo dei mostri, ogni fan ha almeno provato questa classe.

Ringraziamo ancora l’utente Reddit /u/KingPungy per il suo lavoro certosino con le immagini di abilità e i talenti presentati al Blizzcon.

Nota a margine: chiameremo la classe al femminile durante tutto l’articolo. Tuttavia è già stato confermato che tutte le classi potranno essere create di entrambi i sessi.

Cosa c’è di speciale

L’incantatrice in Diablo 4 sarà la specialista degli elementi. Tutte le sue abilità faranno danno di un certo tipo, diviso in Fuoco, Fulmine e Ghiaccio. Sarà quindi possibile specializzarsi in un singolo elemento a scelta oppure utilizzare abilità di elementi diversi per sfruttare al massimo i loro effetti.

In particolare, tutti gli incantesimi di tipo Ghiaccio applicheranno un effetto di “rallentamento” sui mostri. Più incantesimi di Ghiaccio vengono utilizzati sul bersaglio, più questo effetto aumenta fino ad arrivare al Congelamento.
Alcune abilità congelano immediatamente i mostri; altre hanno danni aumentati contro i nemici congelati.

L’incantatrice potrà fare leggermente più danni rispetto al Druido e al Barbaro; questo per bilanciare il fatto che è più fragile e non pensata per il combattimento in mischia.

La lista delle abilità

Anche l’incantatrice vede le proprie abilità divise in 6 differenti categorie; le prime cinque sono peculiari della classe mentre l’ultima rimane quella delle “mosse finali” o Ultimate. Anche se il nome è lo stesso, le abilità comunque sono differenti per ogni classe.

La prima categoria è chiamata Distruzione Minore. Si tratta di incantesimi base che non hanno un costo in mana e servono a “tappare i buchi” quando la nostra risorsa è agli sgoccioli. Da notare che solo uno di questi ha anche una rigenerazione attiva del mana.

La seconda è chiamata Distruzione Maggiore. Qui troviamo sei differenti incantesimi (due per tipo di danno) che rappresentano la principale sorgente dei nostri danni e di consumo del Mana. Ci sono classici come la Palla di Fuoco e il Globo Congelato.

A questo punto troviamo le abilità Difensive. C’è una bella varietà nella scelta tra bonus passivi alla difesa, un’abilità con tempo di recupero per i momenti peggiori ed il Teletrasporto.

La quarta è la categoria dei Sortilegi. Sono tutte abilità con tempo di recupero oppure con durata; quindi non sono abilità da “spammare”, quanto da mantenere o utilizzare nel momento più opportuno.

La quinta categoria è la Maestria. Qui troviamo classici come la Meteora o il Muro di Fuoco. Una delle abilità è ancora da implementare.

L’ultima della serie, quella delle abilità Ultimate, è composta da tutte abilità con lungo tempo di recupero. Sono le abilità che fanno i maggiori danni o hanno effetti più potenti, da utilizzare al momento giusto.

L’albero dei talenti

L’incantatrice vede il proprio albero partire con due nodi comuni che danno dei bonus generici al personaggio, come un costo ridotto delle abilità oppure danni aumentati ai mostri fuori dall’area di mischia.
Successivamente l’albero si divide in tre rami, ognuno specifico per un tipo di danno. Come per le abilità quindi, è possibile specializzarsi in un singolo elemento come potenziare tutti e tre.

Come per il Barbaro, lasciamo che sia l’immagine a parlare per noi.

Questo conclude l’approfondimento sull’incantatrice. Ora ci rimane soltanto da vedere cosa è stato pianificato per il Druido.

Condividi l'articolo

Marco "Coldkil" Rossetton

Appassionato di pc building, gaming, lore freak e number cruncher. La passione per Diablo influenza da sempre le mie esperienze videoludiche.

Un pensiero su “Le classi di Diablo 4: l’Incantatrice

I commenti sono chiusi.